Saltare la navigazione

Cicli della materia e il bosco

CICLO ACQUA

All'inizio di questo ciclo contribuisce non soltanto l'evaporazione dagli oceani, dai fiumi, dai laghi... ma anche la TRASPIRAZIONE delle piante, cioè l'evaporazione di acqua soprattutto attraverso gli STOMI delle foglie, in tal modo la pianta regola la sua temperatura interna.

Nelle giornate estive le piante perdono per traspirazione circa il 95% dell'acqua assorbita dale radici.
Un albero di betulla può traspirare fino a 300 litri di acqua al giorno!

  

www.scienzaescienze.it

 

CICLO AZOTO

L’ azoto (N₂)  è un elemento fondamentale per la vita, esso crea il DNA e le  proteine.

Così come con l’acqua anche con l‘azoto possiamo parlare di “ciclo”, poiché l’azoto passa dall’atmosfera al suolo e agli organismi viventi per poi tornare nell’atmosfera. Un ruolo importante in tale ciclo è svolto dai BATTERI: azotofissatori se utilizzano l'azoto presente nell'atmosfera o nitrificatori e nitratatori se lo prendono da materiali decomposti nel terreno. In tal modo l'azoto entra nelle molecole di sali minerali ed è reso disponibile alle piante.

 

it.wikipedia.org 

CICLO CARBONIO

A tale ciclo contribuisce sempre di più, oltre alla RESPIRAZIONE degli esseri viventi, ai vulcani, agli incendi boschivi, anche l'uomo con le sue attività, in particolare con la COMBUSTIONE industriale. La CO2 liberata nell'atmosfera è uno dei GAS SERRA che contribuisce all'innalzamento della temperatura globale del pianeta!

I processi di disboscamento riducono la possibilità che tale ciclo si compia attraverso i processi fotosintetici delle piante. Quindi contribuiscono all'incremento di CO2 nell'atmosfera.

 http://www.iris-sostenibilita.net/

 

CICLO OSSIGENO

Grazie ai primi esseri viventi fotosintetici (alghe unicellulari degli oceani) l'atmosfera primordiale si è arricchita di ossigeno e negli strati più alti di ozono, fondamentale scudo ai raggi ultravioletti che danneggiano il DNA dei viventi. In questo modo ha potuto iniziare l'evoluzione della vita sulla terra ferma e in milioni di anni si è raggiunto l'equilibrio tra tutti i processi: fotosintesi, respirazione, combustione, ossidazione... mantenendo la percentuale di ossigeno disponibile nell'atmosfera intorno al 21%.

L'attività umana (industriale o di disboscamento) sta minacciando questo equilibrio e una delle conseguenze è ad esembio il "BUCO NELL'OZONO": in tal modo i raggi ultravioletti tornano ad essere un grave rischio di estinzione della vita sulla Terra!

commons.wikimedia.org

lucianabioviver.blogspot.com